“Quante domande, quante risposte”

I bambini hanno sempre mille domande, alle quali dobbiamo dare altrettante mille risposte. Molto spesso, queste nascono da qualcosa che “incontrano”, leggono o vedono durante la loro quotidianità… e perché non assecondarli comprando loro qualche bel libro specifico su quella passione nascente? Oggi vi presenterò una meravigliosa collana che ha letteralmente catturato l’attenzione e il tempo dei miei figli (soprattutto il maschio – 3 anni), edito da “La Coccinella”, “Quante domande, quante risposte”.

Disegni, flap, testi e ambienti

Sfogliando questi piccoli libri (composti da sette pagine), possiamo da subito notare alcune cose: i disegni un po’ particolari (i libri hanno come prima edizione gli anni 2000), colorati ma apprezzabili, soprattutto quando hanno come tema “mezzi” e “mestieri” come l’escavatore e i pompieri; un testo abbastanza tecnico, che necessita di un supporto da parte dell’adulto per essere ben compreso, tanti “flap”, finestrelle che si aprono, con i quali scoprire dettagli e movimenti molto belli che ai bambini piacciono molto (o perlomeno ai miei entusiasma girarne alcuni); una rilegatura a “spirale” o “anelli” e non in brossura.

Vediamo brevemente questi elementi.

Disegni e ambienti

I disegni sono certamente diversi dai “soliti” per bambini, più realistici e con colori non fluorescenti, non sullo stile “Pimpa” o “Disney” per intenderci. I colori sono tenui, delicati ma non smorti. Come detto, soprattutto gli ambienti sono piuttosto curati, con dettagli che i bambini si divertiranno a trovare (e a volte dopo decine di letture ne trovo nuovi anche io). C’è ricchezza di dettagli e questo supporta bene i testi tecnici che, come dirò fra un attimo, risulta certamente difficile.

Testi

Parliamo del testo. Tecnico, ricco di spiegazioni ma, con le giuste accortezze da parte dell’adulto, assolutamente raggiungibile. Io stesso ho imparato alcuni termini prima a me sconosciuti, ma dopo qualche lettura saranno i bambini stessi ad indicare i vari oggetti o persone che ascolteranno da voi. Mettiamo in chiaro: termini tecnici non significa testo complesso. È fluido, semplice. Tecnico, ma raggiungibile. A fondamentale supporto ci sono i Flap, uno, due o tre per pagina, che aprendosi possono offrire altro testo o “movimenti” anche piuttosto dinamici. Ma questa è un’altra storia.

Flap

Eccoci arrivati alla particolarità più evidente di questi libri. “Quante domande, quante risposte” hanno tanti divertenti “flap” più o meno resistenti (diciamo che bisogna insegnare ai bambini come saperli toccare) che, come detto, spostano, ruotano, fanno comparire magistralmente ogni genere di cosa, seguendo il testo e sposandosi senza pecche con l’ambiente vicino a quello che vanno a coprire. In alcuno casi, questi flap non sono solo piccole finestrelle, ma comprendono buona parte della pagina, che ruota da quella destra a quella sinistra. Infatti la rilegatura particolare supporta perfettamente queste piccole magie.

Rilegatura e pagine

Come accennato nell’introduzione, la rilegatura è a “spirale” o ad “anelli”. Le pagine si girano con estrema facilità e il cartone con cui sono fatte le rendono piuttosto resistenti. Spirale e cartoncino sono certamente un’accoppiata vincente per un prodotto del genere, il quale può essere lasciato senza problemi in mano ai bambini. I flap sono più delicati ma si “riparano” facilmente. L’organizzazione degli spazi, in un libro vicino al formato A5, non crea confusione nonostante la ricchezza dei contenuti.

Un libro educativo per crescere e imparare

Volendo essere meno “materiali”, “Quante domande, quante risposte” offre davvero svariate occasioni di crescita ai bambini. Si divertono, ti indicano e ti anticipano nella lettura. Parlare di benna, di autopompa o maschera antigas non deve spaventare noi adulti, perché in men che non si dica saranno i nostri figli a suggerirci le risposte. Alla fine dei libri (certo non li ho visionati tutti, ma per quelli in mio possesso è sempre così) si trova una pagina riassuntiva, con piccoli giochi o attività da fare assieme. Avremo, ad esempio, il flap con i disegni degli strumenti dei pompieri e dei luoghi dove questi si usano (e bisogna accoppiarli correttamente); il semaforo e degli oggetti che ne richiamano i colori, o ancora il cercare tutti i mezzi pesanti da cantiere in un parcheggio alla ricerca di quello mancante. Insomma, il divertimento non mancherà di certo.

Dettagli editoriali

La collana “Quante domande, quante risposte” è edita da “la Coccinella”, ma il marchio certamente più famoso è quello della “Ravensburger”. Come detto, i libri sono piuttosto datati (il numero d’emergenza dei Vigili del Fuoco è fermo al 115), ma nelle librerie sono facilmente reperibili. Quelli in mio possesso sono stati ristampati tutti nel 2020, a dimostrazione che non rischiano la “fuori edizione”.

Il costo, ovviamente, aumenta di anno in anno, quindi partiamo dagli 8€ circa dei più vecchi ai 9.50€ di quelli più attuali. Può sembrare tanto per poche pagine, ma la qualità del prodotto non vi farà pentire della spesa. Nel retro del libro, di cui riporto un esempio fra i tanti, vengono riassunti tutti i libri, così da poter scegliere quello più adatto di volta in volta.

Il retro di "Quante domande quante risposte"

Abbiamo quindi concluso questo piccolo commento su una bella collana di libri per bambini. Vi ringrazio come sempre per il tempo dedicato.

In questo link potrete trovare uno dei tanti libri, a titolo esemplificativo. “L’escavatore

Per altre recensioni di libri per bambini/ragazzi/adulti potete cliccare qui.

Nel caso in cui siate interessati a ricevere una volta al mese (se non ogni due…) la newsletter, basta lasciare il proprio indirizzo nell’apposito form (nella colonna destra da PC o nella finestra a discesa del menù da mobile).

Buon proseguimento a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.